Museo Centrale Montemartini: tra sculture antiche ed elettricità

Quando pensiamo a posti da vedere e visitare, mostre, musei, strutture e città, spesso pensiamo alle bellezze del mondo, Parigi e altre città sparse in tutto il continente, oppure paesi come l’Olanda e l’Inghilterra, e non ci rendiamo conto che, per vedere cose interessanti e bei posti, non c’è bisogno di andare così lontano. Infatti, noi viviamo in Italia, un paese pieno di bellezze e in particolar modo chi vive a Roma, ha una gran fortuna. Ci vengono da tutto il mondo per ammirare le sue bellezze, Roma è ricca di musei e mostre di tutti i tipi e per tutti i gusti, uno di questi è il museo Centrale Montemartini in via Ostiense.

Si tratta di un luogo molto originale, una vecchia centrale elettrica, risalente ai primi anni del 900, fa da sfondo con tutti i suoi macchinari a statue e reperti di Roma antica, creando un bel contrasto tra le sculture e l’architettura industriale. Periodicamente, l’esposizione permanente del museo centrale si rinnova e si arricchisce di nuovi pezzi che sono esposti solo in occasione di mostre temporanee. Il museo è strutturato su tre piani nei quali sono esposti reperti dell’antica Roma. Ci sono pezzi di marmo decorati a basso rilievo, strutture che riguardano l’aspetto funerario di Roma, fondamentalmente sarcofaghi sui quali, prevalentemente, è rappresentato qualche personaggio dell’antichità oppure gesta di battaglie o qualche evento importante di quel periodo. Le stesse decorazioni si trovano sui vasi nei quali venivano messe le ceneri dei defunti. Si possono poi ammirare dei bellissimi e suggestivi affreschi e mosaici, molti di essi non interi ma nelle parti che ci sono pervenute, che evocano fatti e personaggi del tempo. Una vetrina è dedicata alle decorazioni delle donne con anelli, collane e coroncine con cui venivano ornate al momento della sepoltura. Un’altra vetrinetta contiene le chiavi dell’epoca, molto grandi, di colore rosso accesso e nere. E ancora, troviamo tantissime statue e volti di personaggio romani importanti e non solo, tantissime rappresentano la donna, l’uomo e il fanciullo di quell’epoca, sempre in marmo, che testimoniano le mode dell’epoca, attraverso i vestiti femminili e maschili oltre che le scarpe e i sandali. Molto suggestive, sicuramente, sono le sculture riproducenti parti del corpo, una mano o una gamba, di dimensioni superiori alla norma, forse realizzate con lo scopo di fare effetto sul popolo. Inoltre un’altra parte del museo è dedicata alle colonne, di età repubblicana, molto grosse che fanno una gran bella figura. Tutto questo con le macchine dell’elettricità a fare da sfondo in ogni ambiente.

Questo museo è frutto di un’iniziativa promossa dalla Sovraintendenza Capitolina e dai Beni Culturali di Roma Capitale ed è aperto dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 19, il costo del biglietto e di 7,50 €.

Un museo sicuramente molto bello e interessante, soprattutto per chi ama la storia romana. Un museo molto suggestivo che, con alcune opere, fa rimanere senza fiato facendo rivivere antichissime atmosfere. Tra le cose più suggestive sicuramente i mosaici, gli affreschi e le parti del corpo degli antichi romani. Quindi, se un qualsiasi fine settimana o un giorno della settimana, vi trovate dalle parti della Piramide e avete un pochino di tempo, fateci un pensierino. Se poi volete dedicarvi la prima domenica del mese, il museo, come tantissimi altri, fa parte del circuito a entrata gratuita per residenti a Roma e nell’area metropolitana.

Foto: Espada Din | Flickr