Sostieni l’informazione che produce salute

180gradi, nasce per dare a persone che vivono o hanno vissuto un  disagio mentale la possibilità concreta di sperimentarsiformarsi e lavorare nel variegato mondo della comunicazione (giornalismo, grafica, comunicazione audiovisiva). Il progetto si svolge in uno spazio altamente professionalizzante (il Millepiani) ed è un modo per dare voce e dignità a persone che devono rimettersi in gioco, trovare una dimensione lavorativa e riprendere in mano la propria vita, fornendo al contempo un servizio di comunicazione ai cittadini.

Sostieni 180 gradi, cliccando qui

banner-donazione-2

 

La nostra mission

Senza il lavoro di rete 180 gradi non esisterebbe.

Le singole realtà svolgono funzioni decisive per la realizzazione della testata giornalistica online.

 

La Cooperativa  il  Mosaico si occupa della dimensione lavorativa, l’associazione Fuori  Onda organizza attivita e percorsi di inclusione sociale, mentre l’associazione Millepiani offre accoglienza al progetto e la disponibilità dei professionisti a includere e formare gli utenti.

Il CSM di Piazzale  Tosti dell’ Asl Roma2 fornisce supervisione, risorse e spazi per implementare le attività di prima socializzazione. Infine la Tavola Valdese, con il suo finanziamento, ha dato un impulso fondamentale alla creazione di una vera e propria redazione  professionale: gruppo di comunicazione integrato di esperti ed utenti psichiatrici.

Ogni realtà, singolarmente, non avrebbe avuto la forza di realizzare questo progetto.

180gradi è un progetto centrato sui principi del Welfare di  comunità.

A chi si rivolge?

 

Agli utenti psichiatrici seguiti dal Centro di Salute Mentale dell’Asl Rm2 di Piazzale Tosti n.4 a Roma. Saranno coinvolti 9 pazienti nelle diverse fasi e attività del lavoro redazionale insieme a volontari, giornalisti ed esperti in comunicazione.

Obiettivi del progetto: fornire ambiti inclusivi e di formazione a giovani pazienti interessati a lavorare nell’ambito della comunicazione e dare una nuova chance a pazienti che prima della crisi lavoravano in questo settore.