Cittadino chiama, taxi solidale risponde

Tante volte sentiamo parlare di crisi e ci accorgiamo che ci sono sempre meno soldi, mentre contemporaneamente ci ritroviamo ad avere tutti i giorni prezzi sempre più alti per qualsiasi genere di consumo. Così anche un cittadino che si deve spostare da una parte all’altra della città con un taxi, per cui quasi sempre si vede presentare tariffe poco trasparenti, si trova ad affrontare spese insostenibili solo per raggiungere un luogo. A pesare è la mancanza di solidarietà verso chi ha bisogno e quelle poche associazioni che se ne occupano fanno fatica per il troppo lavoro e per la mancanza di fondi, non supportati da politiche locali e nazionali.
Ora, però, nella Capitale qualcosa si sta muovendo, è qualcosa di nuovo che mette insieme volontari, risorse economiche e risparmio. Si tratta di un taxi solidale, un aiuto per tutti i cittadini romani, partito nel Municipio XI da febbraio 2015 e ora in avvio nell’VIII. L’iniziativa nasce della Protezione Civile Arvalia, come ci ha raccontato il presidente Luciano Trauzzola, associazione che lavora nel campo della protezione civile, dei servizi sociali e sanità e opera su tutto il comune romano pur facendo parte del Municipio XI e VIII. Questa bellissima idea è nata quando un volontario si è rotto una gamba, ed è stato sostenuto e aiutato da i colleghi che lo accompagnavano in giro. L’obiettivo del taxi solidale è venire incontro alle esigenze di tutte quelle persone, in primis anziani e disabili, che non sono in grado di recarsi autonomamente alle visite mediche, scortandole fino all’ambulatorio e riportandole a casa. In entrambi i municipi le persone che cercano questo servizio sono un numero abbastanza elevato, anche se, attualmente, il lavoro maggiore viene svolto nel XI. Nell’VIII, ci ha raccontato Trauzzola, la partenza è stata abbastanza lenta, ma nonostante tutto arrivano già una o due chiamate a settimana.
13
Il “prezzo” di questo servizio è pari ad un contributo che dipende dalla distanza che bisogna percorrere, una cifra simbolica che servono a coprire le spese della benzina e delle rate della macchina. Importante specificare che questa iniziativa riguarda tutti i cittadini che risiedono in questi due municipi: i cittadini possono chiedere aiuto telefonando al numero verde (800913011) a qualsiasi ora, anche nelle ore notturne e per le visite serali. Tutte le persone che garantiscono il servizio non hanno nessun appoggio economico da parte delle politiche sociali sia del Comune che della Regione. Questo fa sì che riescono ad andare avanti, per le spese minime come la benzina, l’assicurazione e le rate, solo esclusivamente con le proprie forze, autofinanziandosi. Le persone che per lo più si rivolgono a questo servizio sono disabili e anziani. Si tratta per la nostra città di un’iniziativa molto importante, sostenuta dal lavoro dei volontari che in caso di chiamate di persone che non si possono permettere il prezzo del taxi offrono il servizio gratuitamente. La protezione civile Arvalia è riuscita ad acquisire un mezzo di proprietà, per agevolare ancora di più i cittadini che arriveranno il prossimo mese, grazie all’aiuto della banca Unicredit.
Il taxi solidale è oggi a disposizione dei cittadini dell’VIII circoscrizione, con tanta voglia di aiutare chi è più in difficoltà economica e di salute in un periodo in cui la situazione è sempre più buia e critica. Questo è qualcosa che, tra tanti motivi per non esserlo, ci fa sentire orgogliosi e fieri della nostra città.
TAXI SOLIDALE MUN VIII