Il Cartoomics: anticipazioni sul 25esimo anniversario della fiera di Milano

Continua il nostro viaggio alla scoperta di fiere di fumetti e non solo. Questa volta ci volgiamo, con un certo anticipo, alla mostra di Milano.

Dal 9 all’11 marzo torna, infatti, a Milano, il Cartoomics, con ogni probabilità la fiera ludico-culturale più attesa e più importante di tutto il nord Italia. A parlare sono i numeri: 85mila visitatori nel 2017, numeri non da poco. C’è poi da contare il “fascino” che Milano esercita su brand prestigiosi che non vedono l’ora di esporre le proprie novità, e di proporre ospiti di fama internazionale che il pubblico ama incontrare. Inoltre, per celebrare il 25esimo anniversario, il Cartoomics propone un intero padiglione in più per un totale di oltre 45.000 mq, oltre a rendere l’edizione ancora più ricca di appuntamenti dedicati a ogni settore dell’intrattenimento, della cultura e dello spettacolo disegnato.

Sotto la direzione artistica di Filippo Mazzarella, la convention spazia dal fumetto (con tutti i maggiori editori e disegnatori del panorama italiano e non solo), al cinema (con contenuti e attività esclusive dei maggiori distributori cinema ed una nuova area dedicata all’Home Video e agli UniVision Days), dalla fantascienza (con un omaggio ai 50 anni di 2001: Odissea nello spazio) al cosplay (con i sempre attesissimi contest) alle aree fantasy (con il Fantasy Village ispirato quest’anno al mondo di Harry Potter). Ma ci saranno anche games, videogames e collezionismo. Insomma tutto ciò che un appassionato di questo mondo si aspetta di trovare.

Nello specifico, presso il Padiglione 16 troviamo il mondo dell’editoria, e quindi nomi come: Sergio Bonelli, Panini Comics, Astorina, Bao, Saldapress, Shockdom, Inkiostro, RW, It Comics, Renoir, Hazard, Tunué, Magic Press, Cronaca di Topolinia. Questi si possono trovare con i loro autori di punta sia agli stand sia negli spazi Agorà dedicati agli incontri con il pubblico. In particolare l’Astorina, storica casa editrice di Diabolik, ha deciso di allestire proprio al Cartoomics una mostra dedicata a Sergio Zaniboni, grande disegnatore del “Re del Terrore”, scomparso lo scorso agosto. La mostra, dal titolo “Diabolik visto da Sergio Zaniboni”, espone per la prima volta decine di tavole originali delle sue avventure più amate, oltre a testimonianze, gadget e memorabilia, in un percorso che testimonia la maturazione e l’evoluzione di Diabolik attraverso il suo tratto. C’è poi la nuova sezione intitolata Cartoomics University, che ospita lezioni, talk e incontri di fumetto, cinema, musica, sceneggiatura, marketing e regia. Le lezioni sono tenute da protagonisti di assoluto prestigio: da Altan a Bruno Bozzetto, da Silver a Maurizio Nichetti, da Vince Tempera a Carlo Cavazzoni. Il divertimento e l’apprendimento è assicurato.

Sempre presso il Padiglione 16 ci sono oltre 1.000 mq dedicati ai giochi da tavolo, di ruolo e di carte collezionabili, con 120 tavoli dimostrativi per scoprire le novità del mondo ludico; lo spazio Out of the Box propone incontri con autori indipendenti per capire come ideare e realizzare un gioco da tavolo. Accanto ai giochi da tavolo trova spazio il mondo del wargame e del modellismo statico, e ancora più grande e interattiva di sempre è l’area Lego che, in oltre 300 mq, ospita la mostra Afdl.it, la più importante community al mondo dedicata a Lego, e lo spazio gioco Pick-a-Brick a cura di Brickoni.

Nel padiglione 12 troviamo invece l’area dedicata alla fantascienza, che nel frattempo si è ingrandita. Protagonista indiscusso è Star Wars, con la partecipazione della 501st Legion Italica Garrison, della Rebel Legion Italian Base, dell’Italy Stronghold e di Saber Guild, famosissimi gruppi di costumers riconosciuti ufficialmente addirittura da Lucas Films. Nel grande stand della 501st e della Rebel Legion campeggia una statua a grandezza naturale di Jabba The Hutt contornata dalla sua corte. Qui trovano inoltre spazio due arene per i combattimenti con spada laser gestite dagli atleti di Saber Guild, Ludosport e Jedi Generation: il pubblico, oltre a poter assistere alle splendide performance acrobatiche dei rappresentanti di queste associazioni, potrà anche partecipare direttamente prendendo lezioni da veri maestri jedi. Da non perdere poi la mostra che espone magnifici diorama in Lego costruiti con migliaia di mattoncini che riproducono le scene più avvincenti dei vari capitoli cinematografici di Star Wars.

Sempre presso il padiglione 12 girovagheranno i vari cosplay, all’interno di una vera e propria Cosplaycity, ideata da Patrizia Lia, con gli immancabili contest per i cosplayer e le performance delle comunity tra cui X-Men Mutant Force, Tomb Raider Italia e molti altri. Venerdì 9 marzo troveranno spazio giovani ed inesperti cosplay, invitati da Luca Panzieri a mettersi alla prova guidati da tutor speciali ed esperti che sveleranno i trucchi del mestiere; sabato 10 il Cinecosplay Award, il contest dedicato ai cosplayer appassionati di cinema, vedrà sfilare il personaggio di Lara Croft e il fan club di Tomb Raider; domenica 11 il gran finale, con il Gran Cosplay Contest, rivolto ai cosplayer ispirati ad anime, card game, cartoons, comics, fantasy, videogames ecc.

Ancora presso il padiglione 12 troviamo l’area horror, che debutta con The Clown-Horror House e il cast di Epicos, team cosplay show, nei panni di un gruppo di pagliacci spaventosi in uno spettacolo interattivo realizzato con scenografie, effetti speciali e animatronic come in una vera casa degli orrori.

Nel padiglione 20 troviamo invece il Fantasy Village, animato dall’Associazione La Fortezza, e da tante altre realtà del mondo fantasy. Come accennato quest’anno il Fantasy Village ha scelto di ispirarsi ad Harry Potter e al magico mondo di Hogwarts fatto di incantesimi, lezioni di alchimia e arti oscure. Sarà presente anche un photo set in cui i visitatori potranno immortalarsi, e uno spazio Dungeon dove vivere avventure mozzafiato. Ma il vero cuore del villaggio è la Piazza Magica, che vedrà svolgersi spettacoli, tornei, giochi, scherma e interviste.

Ancora nel Padiglione 20, che ospita l’area action, troviamo l’Umbrella Italian Division, con un live show dedicato come ogni anno a Resident Evil, in cui l’associazione stupirà i visitatori con spettacoli interattivi ancora più coinvolgenti e nuove attrazioni tra cui il percorso “Zombie survival”, il trucco zombie e una serie di elementi scenici ispirati alle ambientazioni del film Resident Evil. In diversi momenti delle giornate, e per tutta la durata della manifestazione, si terranno spettacoli a tema Zombie, alcuni dei quali realizzati in collaborazione con associazioni ai altre aree, come ad esempio la già citata 501st Italica Garrison. Sempre da queste parti troviamo l’area western, in cui i visitatori entrano in ambientazioni nel vero stile old wild west e dove, accompagnati dal gruppo di spettacolo Bullets and Beans, possono incontrare personaggi di film e serie TV come Westworld.

Oggettivamente, di più, da una fiera di questo tipo, non si può chiedere. E difficilmente si può trovare di più girando per le altre manifestazioni a tema, nel nostro Paese. Se potete andateci. Sul serio.

Matteo Roberti