La ragazza del blues – Pensieri in Libertà

La ragazza del blues di Giulia Ventura
Prendi un rossetto
disegna sul mio corpo
le linee passionali del blues
le linee del cuore accartocciato
mentre dio al guinzaglio col suono
segna su di me
un marchio indelebile.
Appartengo a lui,
vene dal sangue rauco e randagio,
urli di rivoluzione
nei miei piedi.
Sono la ragazza del blues
e sono qui per cantare
c’è odore di alcool, fumo, cicatrici
e melodie antiche di cambiamento.
Canto la rinascita
e sono felice
canto la bellezza
e sono felice
mi aggrappo ad un microfono
mentre il corpo freme
tramortito dalla musica
che mi fa scalciare,
scalpitare.
Muovo le mani che pregano al cielo,
canto la redenzione,
ti amo fratello.
Tutto passerà,
e ne sono certa,
tutto passerà,
canto,
e sono felice.

 

(CC License/Pixabay)

 

 

Dalla rubrica