VIP: very important pazzia

Andrea Terracciano

Certamente il disagio mentale colpisce molte persone oggi giorno. Si stimano a milioni coloro che soffrono di un disagio psichico nel mondo. Secondo una recente ricerca della Società Italiana di Psichiatria, sono circa diciassette milioni solo in Italia: disturbi d’ansia, depressione, insonnia, disturbo post traumatico da stress. Chiaramente questa casistica racchiude anche forme di sofferenza meno grave ma in questa sfortunata categoria di persone rientrano anche personaggi noti del cinema, della cultura e del mondo del palcoscenico.

Quindi se anche uno o una dei nostri idoli ha sofferto di disturbi mentali, forse questo può farci avvicinare a questa problematica, superando più facilmente alcuni stereotipi e farci capire che una persona non è solo la sua diagnosi.

Ci torna subito in mente il premio Nobel John Forbes Nash, scomparso da poco. Nash fu un matematico ed economista eccezionale che ha rivoluzionato la teoria dei giochi pur soffrendo, per lungo tempo, di schizofrenia, facendo contare circa cinque ricoveri per episodi psicotici. John Nash riuscì a guarire le proprie allucinazioni e i propri deliri in maniera sostanziale molto prima di morire all’ età di ottantasei anni. Quindi non sempre va a finir male in caso di disagio mentale. Potreste anche vincere un Nobel!

Altro esempio è J. K. Rowling, la famosa scrittrice britannica, creatrice della saga di Harry Potter, che ha sofferto di una profonda depressione, da cui è riuscita a guarire. L’autrice, in un’intervista, afferma “non mi sono mai vergognata del mio lungo periodo di depressione. Cosa c’è da vergognarsi? Ho trascorso un periodo molto duro, ma sono molto orgogliosa di me stessa per essere riuscita a superarlo.” Anche la cantante Beyoncè rientra nella lista dei vip affetti da disagio mentale. Su Parade Magazine,  l’ex cantante delle Destiny’s Child, ha spiegato: “ero famosa, avevo paura che non avrei mai trovato qualcuno che mi amasse. Avevo paura di avere nuovi amici. Poi un giorno mia mamma ha detto, ‘Perché pensi che una persona non ti amerebbe ? Non sai quanto sei intelligente, dolce e bella?’ In quel momento ho capito che avevo solo due scelte: Posso rinunciare, o posso andare avanti ”

Anche la famosissima Lady Gaga racconta, in un’intervista pubblicata su Harper’s Bazaar, di essere finalmente uscita da un lungo periodo di depressione. “La malattia non si porta via i tuoi talenti, rende solo più difficile trovarli”.

Infine Demi Lovato, una cantautrice e attrice statunitense, ha una diagnosi di “disturbo bipolare”.  “La mia missione – racconta – è quella di condividere la mia esperienza con tutti e soprattutto far capire che c’è una vita migliore al di là del lato oscuro, nonostante sembri impossibile. Io voglio mostrare al mondo che c’è una vita meravigliosa dopo la diagnosi.

L’ex stella Disney sta combattendo una battaglia contro la stigmatizzazione delle malattie mentali, come testimonial della campagna Be Vocal: Speak Up for Mental Health, iniziativa dedicata proprio a chi soffre di questo disturbo. “Penso che la malattia mentale sia qualcosa che le persone dovrebbero imparare al meglio, e non si dovrebbe stigmatizzarle”.