LARGHE VEDUTE: DA FEBBRAIO ASCOLTA NUOVE VISIONI

Dal mese di febbraio 2016 ritorna sulle frequenze di Radio Ohm “Larghe Vedute”, il primo network radiofonico ideato e creato dalle Radio della Salute della Mente, articolate con le loro redazioni lungo tutto lo stivale. Da quasi un anno il network si occupa di salute mentale ma anche di musica, politica, attualità, cultura, trasmettendo dalla casa virtuale di RadioOhm, a Torino. Le radio coinvolte nel progetto alimentano il welfare, fanno comunicazione: ognuna ha varcato i propri confini regionali per far sentire la propria voce che parla soprattutto di lotta allo stigma e di tutela dei diritti umani.  L’idea di Larghe Vedute è stato un successo straordinario nel suo primo anno di vita, perché ha messo in discussione il manicomio come istituzione chiusa ed ha consentito la rivalutazione del diritto di chi soffre di disagi psichici a ricevere il rispetto della dignità. Quest’anno Larghe Vedute riparte con l’obiettivo di divulgare una cultura basata sulla deistituzionalizzazione e si mette in prima linea nell’ opporsi alle violenze fisiche, psichiche, chimiche che subiscono i pazienti costretti alle misure di contenzione. In questo senso il network si pone come realtà promotrice di democrazia ed uguaglianza e fa suo il motto della prima emittente radiofonica dedicata alla salute mentale, “La Colifata”: “Hasta que los muros caigan”, ossia non devono cadere solo i muri di cemento, ma anche tutti i pregiudizi verso le persone con disagi psichici. Da febbraio il network si arricchisce di un blog dove si potranno leggere gli articoli di 180gradi. A raccontarci le novità della nuova stagione di Larghe Vedute è Marcello Giangualano, speaker di RadioOhm.

Quali le novità di quest’anno?

La prima novità sostanziale è che Larghe Vedute ha un sito/blog raggiungibile all’indirizzo http://larghevedute.radioohm.it. Questo ci permetterà di sviluppare non solo le nostre capacità radiofoniche, ma anche quelle giornalistiche. Sul sito si potranno riascoltare tutte le puntate delle radio che fan parte del network, ma anche gli articoli redatti dalle redazioni delle radio sparse in tutta Italia. Un’altra importante novità è che la famiglia di Larghe Vedute crescerà, altre radio della mente entreranno a far parte del network. Possiamo ritenerci soddisfatti e felici di poter condividere questo progetto che è nato dal basso, dall’esigenza comune di poter far rete. Gli ascoltatori e le ascoltatrici potranno rimanere in contatto con le radio del network scrivendo commenti sul sito, sulla nostra pagina Facebook o via mail.

Nonostante sia attivo da solo un anno, Larghe Vedute ha una lunga storia. Ce la racconti?

Larghe Vedute è nata dall’incontro delle realtà radiofoniche che negli anni han preso parte al Raduno nazionale delle Radio della Mente che annualmente si tiene a Trieste parallelamente al convegno “Impazzire si può”, e dal bisogno di queste realtà di trovare un “casa” in cui condividere i propri contenuti. Nel primo anno di vita abbiamo semplicemente aggregato i contenuti radiofonici di tutte le radio del network su un’unica piattaforma, un luogo creato per chi la radio la fa, adesso dobbiamo diventare un’unica squadra dislocata su tutto il territorio, un’unica grande redazione in grado di essere sempre presente in ogni circostanza in cui si parla di salute mentale. La vera forza di Larghe Vedute è la diversità delle redazioni radiofoniche accumunate dalla stessa voglia di comunicare con passione e senza filtro il disagio mentale in tutte le sue dimensioni. Larghe Vedute vuol continuare ad essere un fattore di promozione della salute mentale in un’ottica, non tanto e non solo di cura di una patologia, ma di incremento e mantenimento di un benessere altrimenti costantemente a rischio, attraverso l’espansione della propria rete di relazioni e l’assunzione di ruoli diversi e riconosciuti anche al di fuori dei soliti circuiti.