“Chiunque ce la può fare, con la voglia e la dedizione di affrontare la vita”. Intervista a Marta Belli, vincitrice della XVIII estemporanea di pittura dell’Asl Roma2

Intervistiamo Marta Belli,  vincitrice dell’estemporanea organizzata dal Dipartimento di Salute Mentale di Cinecittà domenica 19 maggio.

Marta ci parla di come è nata la sua passione per il disegno, in modo assolutamente naturale e quando era molto piccola.

Nella sua opera, che raffigura una mano meccanica sorretta da un bambino, Marta ha voluto rappresentare l’incontro tra l’essere umano e la tecnologia. Marta ci spiega di essere un’autodidatta e al momento vuole specializzarsi nell’ambito del disegno di fumetti manga.

Il premio vinto nella giornata del 19 maggio è stato un cavalletto di legno, una tela e un set di colori a tempera ma il vero premio, che fortunatamente Marta condivide con noi è in realtà il messaggio con cui ci lascia, talmente forte da arrivare dal microfono dritto al cuore:

“Chiunque ce la può fare, con la voglia e la dedizione di affrontare la vita”.