N#57: Memoria e identità. Tornare indietro per andare avanti

IL WEB MAGAZINE

Numero #57 gennaio 2020

Memoria e identità

Tornare indietro per andare avanti

“In questo numero, ispirati dalla giornata della memoria del 27 gennaio, abbiamo voluto ricordare l’orrore rivelato in quel lontano 1945 con la ‘scoperta’ dei campi di concentramento, i luoghi simbolo della violenza perpetuata su milioni di persone a cui era stata negata la propria identità, stigmatizzata da un’ideologia che vedeva nella diversità dell’Altro un problema da eliminare.

L’antisemitismo, il nazismo, così come ogni forma di razzismo e intolleranza, si può sviluppare solo nell’assenza di una normale relazione dialogica tra gli uomini, ossia quando gli uomini, a causa di determinate condizioni esistenziali e culturali, dimenticano la comune appartenenza ad un medesimo contesto di vita e non possono più, o smettono, di comunicare tra loro.

Il vuoto lasciato dalla mancanza di relazione, viene riempito da ideologie alimentate dalla paura e dalla rabbia, ideologie che vedono nell’altro solo l’oggetto di un proprio discorso che si basa sulle differenze visibili e si autoperpetua. Senza una soggettività che le spiega e una soggettività che le ascolta, queste differenze inquietano e divengono tratti da combattere, eliminare e/o controllare.

L’unico vero antidoto a queste forme di pensiero è l’incontro autentico tra le persone e la conseguente possibilità di ascoltare le storie che diano senso alle diversità visibili che possono spaventare.

Purtroppo, seppur semplice in teoria, l’incontro autentico è un antidoto sempre molto complesso, anche in tempi di pace. Il manicomio ne è un esempio lampante: la creazione moderna di un contenitore a-specifico di devianze e stranezze che turbavano la vita di una comunità che non aveva, e non ha ancora oggi, la possibilità di mettersi in ascolto. Il ‘confino’, la separazione ‘violenta’ da una comunità, diveniva così la soluzione per una società sempre più razionale e frenetica che non poteva fermarsi di fronte a chi poneva problemi con la propria inquietante diversità.

Per tali motivi, per noi è fondamentale ricordare. Fondamentale per portare avanti in modo ancora più deciso la lotta contro tutte le forme di pregiudizio, soprattutto in un momento storico come quello attuale, in cui molte certezze con cui siamo cresciuti sembrano annegare nel mare di informazioni imposto dalla nuova era digitale.”

Clicca sull’immagine per leggere il numero