author Maria Anna Catera

Il mio nome è Maria Anna Catera, sono nata nel 1992 e sono di Roma. Molto sensibile al tema della salute mentale, nutro interesse per la psicologia e non solo. Mi sono riscoperta amante dell’ambiente e dell’ecologia. Ho un carattere molto particolare, pieno di sfaccettature. Mi piace coltivare l’amore per l’arte sacra fino alla passione sfrenata per il metalcore. Dal 2019 scrivo per il giornale 180 Gradi.

Cyberpunk 2077: il videogioco più dibattuto del momento

Data di uscita: 10 Dicembre 2020 Piattaforme: PC, PlayStation4, PlayStation5, Xbox One, Google Stadia  Genere: Gioco di ruolo d’azione, Sparatutto in prima persona, Open World  Fascia di età: PEGI: 18 anni in su Ha dato veramente molto da discutere il […]


I disturbi dello sviluppo nel bambino

Sono diverse le patologie che alterano i percorsi evolutivi di un bambino, che incidono sulla strutturazione della personalità e modificano comportamenti e relazioni. Il disturbo assume un peso e un significato diverso nel corso dello sviluppo in merito a diversi […]


I rischi del cyberspazio e la trappola del cyberbullismo

Un po’ di like di qua, un paio di post di là: sembri basti un attimo eppure così passano giornate intere. Anche condividere video contemporaneamente con un solo click è diventato un passatempo che attira molto, diffuso al punto tale […]


Virtualità, distrazione o dipendenza? Smartphone: una finestra sul mondo

La popolazione mondiale oggigiorno ammonta a circa 7 miliardi e mezzo, le persone che si connettono a internet arrivano a 4,54 miliardi, poco più della metà; 3,8 miliardi di persone utilizzano regolarmente i social network, con un incremento del 9% […]


Teledidattca e smart working per un apprendimento davvero accessibile

La teledidattica nel ventunesimo secolo è un mezzo importante da tenere presente per la formazione a distanza. Più che mai in questi mesi, dove il coronavirus imperversa in tutto il mondo e ancora non c’è una via d’uscita definitiva, dobbiamo […]


Negazionisti e “No-Vax”. La verità dietro la polemica coronavirus

Hanno parlato di “dittatura sanitaria” i negazionisti che si sono riuniti il 5 settembre in piazza a Roma davanti la Bocca della Verità. I partecipanti cantavano l’inno nazionale sventolando il Tricolore: erano in 1500, tutti senza mascherina, attaccati l’uno all’altro. […]