Romics 2018: tutte le novità della 23esima edizione

 

A Roma la primavera fa rima con Romics. Quest’anno l’imponente manifestazione romana di fumetti, cosplay, animazione, giochi da tavolo, games, ed intrattenimento in generale si svolgerà dal 5 all’8 aprile 2018, sempre presso i padiglioni della Nuova Fiera di Roma. Quest’anno giungiamo alle 23esima edizione. La scorsa edizione, la 22esima, aveva registrato 200.000 visitatori, in media anche con molte delle edizioni precedenti. Anche questa volta il Romics ci presenta un programma vasto, quasi sconfinato, perché per abbracciare un mondo così vasto servono delle braccia enormi, ed un’organizzazione efficiente. Di nuovo vengono proposti, a ragione, 5 padiglioni, che accolgono centinaia di presentazioni, incontri ed eventi in 10 location in contemporanea. I temi sono sempre gli stessi, perché la squadra che vince non si cambia: quindi via alle grandi case editrici, fumetterie, collezionisti, videogiochi, gadget, ed imperdibili incontri con autori ed editori. I partner “politici” sono anche loro sempre gli stessi, e così si arricchiscono le collaborazione instaurate con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con la Regione Lazio, con Lazio Innova e con la Camera di Commercio e Unioncamere Lazio.

Sabrina Perucca, Direttore Artistico di Romics, ci ricorda che la manifestazione è un crossover (o un crogiolo se vogliamo) di idee, contenuti e persone. Un format unico in cui convivono, nel rispetto delle varie specificità e nelle molteplici possibilità di interazione, i pianeti dell’Universo Romics: fumetto, cinema, illustrazione, narrativa, game e videogame. Tre sono gli ospiti principali di questa 23esima edizione, ossia coloro che riceveranno il Romics d’Oro: primo fra tutti Tsukasa Hojo, papà di Occhi di gatto, City Hunter e Angel Heart. Poi Massimo Rotundo, maestro del fumetto italiano, autore poliedrico, grande interprete del fumetto erotico e di amati personaggi bonelliani come Tex e Brendon, ma anche sketch artist per il cinema (Gangs of New York), nonché cofondatore della Scuola Romana dei Fumetti; ed infine, ma non ultimo, Martin Freeman, divo britannico, grande interprete di personaggi amati in tutto il mondo, da Guida galattica per autostoppisti, a Bilbo Baggins de Lo Hobbit, fino ad arrivare a John Watson dell’amatissima serie tv Sherlock, e al recentissimo Ghost Stories. C’è da dire che sarà la prima volta che un Romics d’Oro verrà attribuito ad un attore.

Tra gli altri ospiti di rilievo citiamo Simon Hanselmann, già reduce dal Premio per la migliore serie all’ultimo Festival di Angouleme con Happy Fucking Birthday, e che ha scelto il Romics per incontrare il pubblico italiano; e poi Cristina d’Avena, amata interprete di sigle di cartoni animati che sono state di fatto la colonna sonora per generazioni di bambini e ragazzi (naturalmente, l’evento assume una valore speciale in occasione della presenza proprio di Tsukasa Hojo, l’autore di uno dei fumetti che ha dato vita ad uno dei cartoni animati la cui sigla è cantata proprio dalla d’Avena, e stiamo parlando chiaramente di Occhi di Gatto). Avremo anche un imperdibile omaggio a Zagor, il secondo appuntamento con il Concorso Nazionale I Linguaggi dell’Immaginario per la Scuola organizzato con il MIUR con la partecipazione di moltissime scuole di tutta Italia, e con i quali si affronteranno temi quali il bullismo, le pari opportunità e l’accoglienza.

In una location denominata Comics City (di fatto una novità di questa edizione), troveranno spazio in diretta tutte le espressioni della creatività. Le autrici di fumetto e artiste grafiche guideranno l’evento Donne che disegnano Donne: una mostra e una live performance continua, composta da diverse sezioni: fumetto, visual art e live painting. Lo scopo è quello di provare a raccontare l’energia e la vitalità che la donna è in grado di attuare nella denuncia aperta, spesso nel dramma ma anche nell’avventura che ogni donna, per essere donna, vive appunto ogni giorno. Oltre a ciò, nella Comics City si svolgeranno incontri, anteprime e presentazioni, ci saranno gli autori con disegno in diretta, murales, dediche e mostre in cui prenderanno vita tutte le espressioni della creatività.

Le grandi mostre non possono che partire dall’ospite d’onore, Tsukasa Hojo, con le splendide illustrazioni delle tre sorelle di Occhi di Gatto, dell’affascinante City Hunter fino ad arrivare al più recente Angel Heart. Un’altra mostra sarà dedicata a Massimo Rotundo, che metterà in scena le sue pitture, gli originali di Tex e Brendon, le sue affascinanti donne e i bozzetti per il cinema e l’animazione.

Nel Padiglione degli editori ricordiamo la presenza della Coconino Press-Fandango (che presenterà Doku, la nuova collana di manga giapponesi), Panini Comics-Planet Manga, Edizioni BD, RW Edizioni, Tunuè, Shockdom, salda Press, Bugs Comics. Verrà presentato in anteprima il fumetto Tazio, opera realizzata da Lorenzo Terranera (illustratore e scenografo di Ballarò), ispirata alla la visionaria storia di Tazio Nuvolari, uno dei più grandi piloti della storia dell’automobilismo mondiale. Tornano anche le case editrici di libri, come la Mondadori, Giunti, DeA Planeta Libri, Rizzoli, Fanucci, Gallucci, Fabbri, E/O e Sem Libri. Da ricordare, nella zona Movie Village, la presenza di Frank Matano accanto a quella di Martin Freeman.

Il Romics Cosplay Award si conferma con le selezioni internazionali per la grande gara mondiale Clara Cow’s Cosplay Cop C4 in Olanda, inoltre per il miglior cosplay singolo è previsto un biglietto aereo A/R per il Giappone. E poi Romics Body Art con quattro giorni ricchi di appuntamenti dove in diretta noti body painter realizzeranno le proprie opere utilizzando i corpi umani come tele. E poi c’è il Pala Games, uno dei più stellari di queste ultime edizioni, che vedrà la presenza di: Euronics, Microsoft, Warner, Trust Gaming, Ubisoft, XJOY, Nintendo, Sony Playstation, MTB, e tornei di FIFA 2018. Non possono mancare i beniamini dei giovani partecipanti: Favij sarà presente nella giornata di sabato 7 e domenica, mentre domenica 8 aprile saranno presenti i MATES. Infine, si ripropone Lega Prima Romics, ossia le fasi finali della terza edizione del campionato italiano di League of Legends, organizzato in collaborazione con GEC (Giochi Elettronici Competitivi).

In ultimo i giochi da tavolo: non sono menzionati nei vari comunicati stampa rilasciati dal Romics, ma possiamo dire con certezza che anche quest’anno ci sarà un padiglione dedicato al gioco da tavolo. Troppo spesso messo ai margini di questa manifestazione, ci auguriamo che con il passare degli anni il gioco da tavolo possa trovare il giusto posto che gli compete.

Matteo Roberti