Giornata Mondiale dell’Amicizia

Il 30 luglio ricorre l’anniversario della Giornata Mondiale dell’Amicizia, quella con la “A” maiuscola. Cos’è l’amicizia? È un insieme di sensazioni, emozioni, azioni. Si crea un’empatia tale tra due amici veri che riescono a percepire l’umore dell’altro solo guardandosi negli occhi, poi può essere tra due uomini, due donne, anche tra persone di sesso opposto. 

Baldan Bembo diceva: 

“È l’amico è 

una persona schietta come te 

che non fa prediche 

e non ti giudica 

fra lui e te divisa in due la stessa anima 

però lui sa 

l’amico sa 

il gusto amaro della verità 

ma sa nasconderla 

e per difenderti 

un vero amico anche bugiardo è…”. 

Come lui ha ragione anche il cantautore Riccardo Cocciante che scrive:  

non dico che dividerei una montagna per un amico in più
ma andrei a piedi certamente a Bologna per un amico in più…
forse guadagno qualche cosa di più
un vero amico”. 

L’amicizia è un valore che si impara a conoscere da bambini, infatti nel cartone animato “Toy Story” una delle musiche principali dice: “Ti basta solo ricordare che, che c’è un grandeamico in me!”. Questo è il modo di esprimere una definizione della parola amicizia con tre brani di generazioni diverse. Ma non è semplicemente un vocabolo da dizionario. Un amico ascolta, consola, cerca di darti la sua versione della vita, prova ad aiutarti a risolvere i problemi, è presente quando stai male, ma anche nei momenti belli della tua vita: battesimi, comunioni, matrimoni, nozze. Ci sono amici che non si vedono per tanto tempo ma si sentono spesso a distanza, grazie alla tecnologia infatti sembra di stare vicini sempre. Poi fortunatamente ci sono quelli con cui dividi impegni quotidiani, con cui parlare a quattro occhi più spesso.

L’amico è quello che rincontri dopo venti anni in una cena di classe, quello con cui aspetti l’estate per andare al mare o in vacanza insieme, quello del quale come prima cosa scrivi il compleanno nella nuova agenda, così come il suo numero di telefono te lo ricordi a memoria, o almeno una volta era così, quello che aspetti la domenica per metterti sul divano e urlare “gooooaallllll”, ma anche quello con il quale ti prendi in giro. L’amico c’è nel bello e cattivo tempo, è importante dedicargli una giornata mondiale, perché nella vita puoi avere un lavoro, una famiglia, una passione, ma tutto va avanti grazie agli amici che ti danno momenti di felicità, ti fanno ridere, a volte purtroppo piangere per sfogarti, sono quella spalla al tuo fianco con cui c’è un sostegno reciproco. Non si può vivere senza amici.  

 

Foto di Dimhou da Pixabay – CC License