Tortora e Praja a mare

Un giro turistico dall’aria dolce

Il mare azzurro e limpido del mattino, tenuto calmo dal vento di terra e il silenzio rilassante di poche auto che passano sulla strada che costeggia il lungomare sono gli elementi principali dello scenario di Tortora Marina e Praja a mare. Si tratta di due cittadine in provincia di Cosenza il cui caseggiato insiste, precisamente, sulla Riviera dei cedri, ossia la costa tirrenica settentrionale della Calabria, regione famosa per il peperoncino e il sole. 

Mare e sole, ma se ci si volta dietro si possono ammirare anche le montagne che sono poco distanti dalla costa, immaginando la bellezza delle frazioni montane di Tortora, fatte di prati, mucche e pochissime case, che si estendono fino al confine interno con la Basilicata. 

Un luogo affascinante, Praja è la cittadina che i turisti definiscono più signorile e più accogliente. Un paese turistico e rinomato che offre la possibilità di visitare posti suggestivi come la località Fiuzzi, dov’è l’isola di Dino, a pochi metri dalla spiaggia, appartenuta alla potente famiglia di industriali, Agnelli. 

Sul fianco dell’isola insistono due grotte che è possibile visitare con appositi giri turistici in barca: la grotta azzurra e la grotta del Leone, entrambe molto affascinanti poiché la prima è caratterizzata dal colore dell’acqua al suo interno, di un azzurro molto intenso, dato dal particolare effetto della luce del sole che si proietta nella grotta. Mentre nella grotta del Leone c’è una roccia caratteristica che ha la forma di un Leone sdraiato col capo ritto. Oltre Fiuzzi, a Praja esiste un altro luogo di non minore importanza, che si trova, però, nell’entroterra. È una grotta molto grande, incavata in alto nella roccia e dedicata alla Madonna. Un luogo spirituale in cui è possibile immergersi nella preghiera, presso cui è stato costruito un santuario. 

Ma per riposarsi e godere di un po’ di svago, è possibile passeggiare sul viale, una vera e propria isola pedonale dove è possibile fermarsi sulle panchine o ai tavolini dei tanti locali che vi sono, respirando l’aria depurata dai suggestivi platani che lo costeggiano. 

Tortora marina, invece, è una cittadina che offre poco dal punto di vista dei luoghi suggestivi, ma se si sale al centro storico, a più di 300 m.s.l.m, è possibile immergersi in un contesto davvero unico dove si torna indietro negli anni, passeggiando per i vicoli di un caseggiato tenuto ancora in vita dalle poche persone che lo abitano. 

In generale, sia Praja che Tortora offrono la possibilità di comode passeggiate in bici, non solo sui rispettivi lungomare ma anche nel primo entroterra, grazie alla conformazione pianeggiante del territorio. E, insieme, offrono la possibilità di una vacanza completa tra montagna e mare dove l’aria  è molto dolce, dove tutto sembra portare alla quiete dell’animo.