Avete mai pensato ai benefici che potete avere se smetteste di fumare?

LOrganizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha elencato gli innumerevoli benefici immediati e a lungo termine per chi smette di fumare.  

Ad esempio: 

 

  • entro 20 minuti, rallenta il battito cardiaco e cala la pressione del sangue; 

 

  • dopo 12 ore, il livello di monossido di carbonio nel sangue torna alla normalità; 

 

  • dalle 2 alle 12 settimane, la circolazione migliora e aumenta la funzionalità polmonare; 

 

  • da 1 a 9 mesi dopo avere smesso, migliorano tosse e respiro corto; 

 

  • dopo 1 anno il rischio di malattia coronarica è dimezzato rispetto a quello di un fumatore; 

 

  • da 5 a 15 anni dopo avere smesso, il rischio di ictus si riduce al pari di quello di un non fumatore; 

 

  • dopo 10 anni il rischio di tumore al polmone diventa la metà di quello di un fumatore e diminuiscono i rischi di tumori della bocca, della gola, dell’esofago, della vescica, della cervice uterina e del pancreas; 

 

  • dopo 15 anni il rischo di una cardiopatia coronarica è simile a quelli di chi non ha mai fumato 

 

Smettendo di fumare si riducono nei bambini i rischi in eccesso di varie malattie correlate al fumo passivo, come le malattie respiratorie e le infezioni dellorecchio. 

Infine, smettere di fumare riduce le probabilità di impotenza, difficoltà nella gravidanza, parti prematuri e neonati di basso peso alla nascita. 

Come afferma il professor Lorenzo Rosso, chirurgo toracico, Si potrebbe considerare, con le dovute eccezioni, che chi consuma meno di 10 sigarette al giorno non è realmente schiavo del fumo e può smettere senza nessun problema; la sua è una dipendenza limitata. Chi invece trova nella sigaretta un rifugio quotidiano e un conforto irrinunciabile nei momenti di stress, arrivando a fumare anche un pacchetto al giorno, è dipendente; ma smettere è comunque possibile. 

 

Daniele Baldi

 

Immagine: Pixabay – CC license