Czynger: la macchina del futuro

Uno spettro nero sfreccia per Laguna Seca, prima un sogno, ora la macchina più veloce del mondo. Il precedente record era tenuto dalla McLaren Senna, un elegante mostro da 335 Km/h, ma la 21c è migliore: il design è stato realizzato da una piccola squadra di ingegneri ed un software di intelligenza artificiale, le parti di forma quasi organica realizzate con una produzione additiva e assemblate in tempi record da enormi braccia meccaniche. 

Stiamo parlando della 21c Czynger e l’ispirazione per questo articolo viene da un video su questa macchina chiamato “A.I. Designed this Car”, pubblicato su YouTube. 

La produzione di una nuova auto richiede migliaia di ingegneri per progettarne le componenti, queste vengono assemblate e testate con un prototipo, che una volta approvato diventa modello per la produzione in serie e la catena di montaggio. Tali metodi hanno sempre richiesto un’enorme quantità di persone e di spazio. La Czynger, l’azienda che ha prodotto la 21c, minaccia di rivoluzionare questi vecchi metodi con l’introduzione di tre tecnologie innovative. 

La prima di queste tecnologie è il machine learning: con lo sviluppo dell’intelligenza artificiale è ora possibile insegnare a un computer come progettare un’auto, questa tecnologia è rivoluzionaria per la sua efficienza. Infatti, è sufficiente inserire delle specifiche necessarie nel programma e dargli tempo per sviluppare il design. 

L’additive manufacturing o stampa 3D permette la fusione di strati di polvere di metallo in modo da produrre parti complesse e sofisticate, non realizzabili con mezzi tradizionali. 

Infine, l’automated unit o assemblaggio verticale è un processo che utilizza bracci robotici programmati per assemblare le componenti di una macchina; questo permette un assemblaggio molto più veloce della classica catena di montaggio perché le braccia meccaniche possono lavorare più velocemente, con più precisione e con maggiore coordinazione delle braccia umane.  

La 21c, macchina progettata dall’intelligenza artificiale e prodotta con le tecnologie sopra citate, è stata progettata dalla Czynger, una start up americana produttrice di auto fondata nel 2019. È una sport car che raggiunge i 452 km/h, i pezzi hanno un aspetto simile alle strutture biologiche. Ciò è dato dall’estrema efficienza dei modelli dell’intelligenza artificiale.  

La 21c, nel 2021, come dicevamo all’inizio dell’articolo, in una competizione a Laguna Seca, ha battuto il precedente record della McLaren Senna di ben due secondi. Ha una conformazione unica per pilota e passeggero, che sono centrati rispetto ai tradizionali autoveicoli; il motore può usare combustibili alternativi come metanolo che, se prodotto con energia rinnovabile, la renderebbe classificabile potenzialmente come veicolo a “emissioni zero”. La macchina ha un’aereodinamica da primato e passa da 0 a 100 Km/h in 1,9 secondi e da 0 a 300 Km/h in 8,5 secondi. Al momento ne sono stati prodotti solo 80 esemplari al prezzo di listino di 1,7 milioni di dollari.  

Ieri le tecnologie della Czynger erano un sogno, oggi una realtà per pochi, domani potrebbero essere una realtà per tutti. 

 

Giuliano Insolia 

 

Foto Pixabay – CC License