L’anniversario della Liberazione d’Italia. Gli eventi del Municipio VIII in ricordo del 25 Aprile

“A celebrazione della totale liberazione del territorio italiano, il 25 aprile 1946 è dichiarato festa nazionale”. Così recita l’articolo n. 1 del decreto legislativo luogotenenziale n. 185 emanato il 22 aprile 1946 a seguito della liberazione dei territori dell’Italia settentrionale, mentre il sud Italia era già libero. 

Il 25 aprile 1945 è sicuramente una data storica per la caduta del nazifascismo e la liberazione dalle truppe tedesche sul territorio italiano. All’epoca, l’insurrezione delle forze partigiane fu promossa e incoraggiata dal Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI) tra cui spiccavano personalità come Longo e Pertini. Il CLNAI emanò decreti legislativi con il potere del governo italiano che permisero l’uccisione di Benito Mussolini. 

La ricorrenza del 25 aprile è stata istituzionalizzata come festa nazionale solo nel 1949 e da allora, ogni anno, in varie città d’Italia, da Nord a Sud, in questo giorno sono organizzate manifestazioni pubbliche in memoria della Liberazione. Quella più rappresentativa è l’omaggio, da parte del presidente della Repubblica italiana e delle alte cariche dello Stato, al Milite Ignoto presso l’Altare della Patria a Roma in ricordo ai caduti e ai dispersi italiani nelle guerre. 

La liberazione apre la strada alla nascita della Repubblica e alla conseguente stesura della Costituzione italiana: è stato grazie alla Resistenza dei partigiani che da quel momento è nata un’Italia nuova, un’Italia democratica. 

Quest’anno il Municipio VIII ha promosso numerose iniziative in memoria del 25 Aprile, che sono state organizzate già dal mese di marzo. Tra questi, la rassegna dal titolo “Ci vediamo al bar-Storie della resistenza” con tre incontri che si sono svolti dal 26 marzo al 23 aprile. La rassegna ha visto la presenza di Stefania Ficacci, esperta di storia contemporanea delegata alla memoria del municipio V, Davide Orecchio, scrittore autore del libro “Storia Aperta”, Simona Lunadei, storica, Lidia Piccioni, docente di storia contemporanea all’università Sapienza di Roma, Davide Conti, storico, Marzia Coronati, audiodocumentarista, Sandro Portelli, autore del libro “L’ordine è già stato eseguito”, Simona Baldanzi, autrice del libro “Corpo Appennino” e Lorenzo Teodonio, Centro per la Riforma dello Stato. Ad introdurre gli incontri Amedeo Ciaccheri, presidente del municipio VIII e Maya Vetri, assessora alle politiche culturali municipio VIII. 

Il 25 Aprile si sono svolte iniziative durante l’intera giornata. Tra queste, è partito alle 9.00 da Largo Bompiani il Corteo della Liberazione, con arrivo a Porta San Paolo. Dalle 12.00 alle 20.00, a Le Casette, in Via delle Sette Chiese 186, c’è stata una mostra artistica per la memoria, la resistenza e la pace a cura di Join the Resistance. Alle 15.30, presso il parco Garbatella di Via Rosa Raimondi Garibaldi, l’associazione Legambiente e il collettivo studentesco del Liceo Socrate hanno presentato giochi per bambini, merenda, danze popolari, letture e canti della liberazione. 

Alle 16 presso la Villetta Social Lab di Via degli Armatori 3, c’è stato l’incontro con il giornalista Gianni Rivolta, coautore del libro “La resistenza dimenticata”, coordinato dall’assessora del municipio IX Paola Angelucci. 

Dalle 16 il Comitato di quartiere Piramide-Ostiense ha presentato presso Piazzale Ostiense concerti e attività artistiche e musicali, tra cui l’esibizione di un coro, la Bella Età, che ha suonato l’Inno Nazionale e un canto ebraico, dove c’erano molte persone che ascoltavano con partecipazione. Infine, alle 20, Porta San Paolo si è trasformata in un’isola di pace con poesie, canti e proiezione di spezzoni di film del periodo neorealista, come “Roma città aperta”, “Bellissima”, “Una vita difficile”, “Sciuscià”, a cura dell’Architetto Cesare Esposito.  

 

Qui vivono per sempre gli occhi che furono chiusi alla luce 

perché tutti li avessero aperti per sempre alla luce 

 

Luigi Saracchi

 

Immagine di Aeneastudio da Flickr – CC License