Cosa spinge le persone a fare sport?

Sentirsi meglio, pieni di vita 

Per tante persone, la risposta alla mia domanda Cosa spinge le persone a fare sport? (Che è anche titolo di un mio libro, edito da Aracne Editrice) è il senso di benessere che deriva dalla pratica dello sport, da soli o in compagnia, uno “stare bene” che motiva le persone a fare sport.  

Il libro riporta alcune interviste fatte ad atleti di diverse discipline sportive e indaga sulle motivazioni che spingono le persone a fare sport. Non solo la performance, ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, di rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale. Una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare a non mollare e per migliorarsi. Di seguito alcune risposte. 

Cosimo Guerra: «Sentirsi meglio, pieni di vita». 

Patrizia Melchior: «Endorfine». 

Davide Bassi: «Inconsapevolmente la mia vita è cresciuta attorno allo sport, come una pianta di vite attorno al suo palo. Sinceramente oggi non mi domando perché lo faccio, ma mi domando se potrei farne a meno e la risposta è sempre la stessa: no». 

Matilde Staffa: «Il senso di benessere che si prova dopo aver corso per almeno un’ora e la soddisfazione dopo due ore di palestra! Lo sport cura corpo, mente e spirito. È una fonte inesauribile di felicità». 

Perché fare sport? Per sperimentarsi, per mettersi in gioco, per raccontare, incontrare, confrontarsi, per provare freddo e caldo, per apprendere dalla scuola della vita. Questo è lo sport che vogliamo, di tutti e per tutti, senza età e con ogni modalità. Una delle motivazioni che spinge le persone a fare sport è la voglia di uscire dalla zona di comfort per mettersi in gioco e sviluppare resilienza, cercando di allenare il corpo e la mente e migliorare il tenore di vita. 

Flavio Gioia: «La costanza, la voglia di stressare il corpo per portarlo a ottenere una forma adeguata e il benessere psicofisico sono, secondo me, tutte cause che invogliano a fare sport. Poi gli amici sono l’altra causa che spinge i matti come noi a fare sport». 

Marco Soldati: «Spirito di sacrificio e, alla fine, tanta soddisfazione». 

Si impara sempre dall’esperienza, importante è mettersi in gioco e uscire dalla zona di comfort. Si può scegliere di restare seduti dietro le quinte, comodi, ma solo mettendosi in gioco e facendo esperienza ci possono essere i presupposti per fare meglio e conoscersi meglio. Praticando sport, ci si accorge di poter fare qualcosa di importante, come raggiungere mete e obiettivi sfidanti, superare crisi e difficoltà.  

Tra le risposte più gettonate e frequenti vi è il senso di libertà, in effetti lo sport permette di evadere dalle incombenze e preoccupazioni quotidiane, prendendosi un tempo proprio da soli o con amici per dedicarsi a se stessi curando corpo e mente. 

Mimma Caramia: «La corsa mi dà un senso di libertà, una sensazione di benessere che rimane incollata come una seconda pelle». 

Veronica Bellenna Mattioli: «Liberare la mente stressata e ritagliare quello spazio solo per te. Ecco perché mi avventuro a correre nel bosco». 

Natascia Panzavolta: «L’attività sportiva nasce e si esprime come senso di libertà, io vivo così il mio sport, mi sento libera… libera di esprimere ciò che sono». 

Giada Paolillo: «La voglia di vivere». 

Jana Brafči: «Libertà, la vita migliore senza i pensieri inutili e benessere assoluto durante e dopo». 

Attraverso lo sport si conosce gente, si fa gruppo, ci si confronta, è un’occasione per ridere, sorridere, divertirsi. 

Michele Ricucci: «Fare nuove amicizie. Una vita meno sedentaria e poltronosa. L’azione che ci rende agili, liberi di camminare con le nostre gambe verso cose belle e costruttive». 

Francesco Di Pierro: «Noia, stress, crisi di mezza età, abitudine, edonismo, voglia di conoscere gente. Siamo tutti diversi, non credo ci sia un motivo comune». 

‎Marco Maria Mongiardini‎: «Mi spinge il fatto di star bene, conoscere gente speciale, migliorare il proprio stile di vita e crescere a livello mentale». 

Per tanti, lo sport diventa una medicina, una terapia naturale meglio di tanti altri farmaci, a volte viene anche considerato migliore dello psicologo. 

Chicca Falvo: «Tengo a bada il mio diabete tipo 1 e le complicanze». 

Michele D’Adamo: «È la medicina n. 1». 

Domenico Manzella: «Le scarpe da running costano meno dello psicologo». 

Gianluca Achille: «La corsa è terapia (per me), per dirla alla Ernesto Calindri: contro il logorio della vita quotidiana». 

Le motivazioni a fare sport sono le più disparate: performance, benessere, non ingrassare, dimagrire, conoscere gente, fuggire da casa e dai problemi. 

Italo Merolli: «A prescindere dalle funzioni che ha lo sport, e sono tante, ciò che spinge le persone a praticarlo va sicuramente ricercato nell’aspetto motivazionale. E le motivazioni possono essere le più disparate». 

Carlo Spairani: «Il motivo opposto a quello che spinge le persone a stare sul divano… visioni diverse della vita». 

Lo sport aiuta a comprendere il significato dello sforzo e dell’impegno, aiuta a conoscersi sempre di più, soprattutto nelle condizioni difficili dove si tratta di prendere decisioni e di andare avanti. Lo sport permette di comprendere l’unione di corpo, mente e cuore; l’importanza della passione, il credere nelle cose che si fanno, credere in se stessi. 

Pierluigi Lops: «La pazzia. Lo sport è gioco e divertimento. Ognuno, bambino o adulto, ha dentro di sé la voglia di divertirsi e giocare fino a 80 anni. Lo sport, ma soprattutto la corsa, ti permette di scoprire ogni cellula del tuo corpo. La sensazione, mentre corri, è proprio quella di analizzare le sensazioni mentali e confrontarle con il tuo corpo, con il movimento degli arti, con ogni contrazione muscolare e ogni respiro». 

Giuseppe Bosco: «Corro dal 1980. 40 anni di emozioni, sacrifici, ma tante soddisfazioni, quando non corro mi sento uno schifo. La corsa mi rigenera il corpo e la mente, mi rende di buono umore, anche se so bene che con l’età dovrò regolarmi negli allenamenti, ma finché avrò questa passione non mollerò». 

Per tanti c’è la voglia di provvedere alla propria salute, prevenire, promuovere sani abitudini, avere un salutare stile di vita, non ingrassare, tenersi in forma. 

Criceteam: «Credo che il motivo di partenza sia un senso di inadeguatezza. Qualcosa nella nostra vita non ci piace, che sia qualche kg di troppo o altro. Poi scopri quanto è bello e non lasci più perché ti fa star bene» 

Francesca Ruffa: «Il cibo». 

Luciano Ciurleo: «La voglia di volersi bene, la voglia di evadere dalla propria routine». 

Armando Quadrani: «Il rinfresco». 

Matteo Stelluti: «La bilancia». 

Paolo Giorgetta: «La panza». 

Roberto Tognalini: «Mangiare». 

 

Matteo Simone